Il controllo legale delle esportazioni di armi è controproducente per le ONG

Una corte di giustizia tedesca ha emesso una sentenza 03 dicembre 2019 che annulla la sospensione decisa dal governo tedesco sulle consegne di armi in Arabia Saudita. Iniziato a ottobre 2018la decisione di sospensione era stata formalizzato a marzo 2019. Deve scadere a marzo 2020. Per la cronaca, questa decisione è stata annunciata da Angela Merkel dopo l'omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi. Non riguardava ufficialmente il conflitto nello Yemen, che impediva anche alla Germania di dover embargo sulle consegne agli Emirati Arabi Uniti, membro della stessa coalizione e importante cliente diretto degli industriali tedeschi. La Germania era stata in grado di utilizzare questa sospensione per bloccare alcune esportazioni francesi con monete tedesche, che hanno portato i due stati a negoziare un accordo, tuttavia, sospeso per capriccio del Bundestag.

Il tribunale tedesco si è pronunciato in seguito a una denuncia presentata dall'industriale Rheinmetall a seguito della cancellazione della licenza di esportazione concernente il trasferimento di veicoli corazzati 110 Pugile Parte del quale era già stata consegnata prima della sospensione delle esportazioni. Sembra che la decisione sia nella forma e non nel merito, in quanto il tribunale ha dichiarato che il governo tedesco non aveva rispettato le procedure relative alla sospensione di una licenza, in particolare che dovrebbero consentire agli interessati compensazione per perdite economiche. Il governo può presentare ricorso contro questa decisione.

Rheinmetall ha un'importante rete di influenza nel Bundestag tedesco

Va ricordato che Rheinmetall esporta alcune delle armi che sono state identificate direttamente dagli esperti delle Nazioni Unite come utilizzate negli scioperi che possono costituire gravi violazioni del diritto internazionale umanitario (IHL).[1]. Il gruppo tedesco, che gode di un significativo sostegno tedesco nel Bundestag, ha continuato a alimentare il conflitto nello Yemen ben dopo la decisione di Berlino, in particolare attraverso le sue fabbriche in Sudafrica o in Arabia Saudita, aggirando così il problema. nazionale.

Questo giudizio è il primo nel lungo dibattito che agita gli Stati occidentali sul tema delle esportazioni di armi in Arabia Saudita, perché interviene "contro" le richieste attuali ea vantaggio di un industriale. Da diversi anni le Organizzazioni Non Governative tentano di attaccare la validità delle licenze di esportazione di armi dei vari paesi occidentali, invocando una migliore sottomissione di questi processi di esportazione al giudizio dei tribunali e al controllo delle rappresentanze nazionali. . Pertanto, in Italia, nel Regno Unito, in Belgio o in Canada sono state intraprese azioni legali, con diversi gradi di successo.

Al centro della questione c'è l'organizzazione del controllo degli armamenti, specifica per ciascun paese. Gli Stati membri dell'Unione europea si sono impegnati nel posizione comune 944 / 2008 "Definizione di regole comuni per il controllo delle esportazioni di tecnologia e attrezzature militari". Ma questa è solo una "Posizione" e non un "Regolamento" o una "Direttiva", il che implica a livello comunitario che la sua applicazione non è vincolante e lasciata alla discrezione di ogni individuo. Stato membro. Inoltre, gli stati dell'Unione Europea hanno ratificato il Trattato sul commercio di armi, che stabilisce regole di controllo delle esportazioni sostanzialmente simili (la posizione europea esige, inoltre, di non compromettere la sicurezza delle esportazioni di altri Stati membri). Ancora una volta, l'ATT è un trattato che autorizza gli stati, ma senza un meccanismo di vincolo.

La Francia esporta anche in Medio Oriente, sia in Arabia Saudita, negli Emirati Arabi Uniti o in Qatar

In Francia, il regime di divieto si applica per impostazione predefinita: è legalmente vietato produrre o esportare armi, ma è possibile ottenere un'esenzione. Per l'esportazione, questa esenzione viene rilasciata sotto forma di licenza dal Primo Ministro, previa consultazione con la Commissione interministeriale di studio per l'esportazione di materiali bellici. Il CIEEMG esprime un parere che non vincola il governo: il soggetto è considerato un "atto di governo", discrezionale e senza possibilità di ricorso da parte dei ricorrenti. In Francia, i produttori non hanno quindi un “diritto” alla licenza, né quindi un “diritto” al risarcimento in caso di rifiuto o cancellazione.

Lo studio legale Ancile, che collabora con diverse ONG, nel 2019 ha chiesto al Primo Ministro di sospendere le licenze di esportazione francesi in Arabia Saudita. Di fronte alla mancanza di risposta, ha adito il tribunale amministrativo che ha accettato di esaminare il caso sulla base del fatto che la "sospensione" probabilmente non è discrezionale come "la concessione". Il tribunale, tuttavia, ha licenziato le ONG, che hanno presentato ricorso. La Corte amministrativa d'appello ha stimato con ordinanza il 26 di settembre che non doveva conoscere l'argomento. Le ONG hanno quindi fornito lo 19 di novembre al Consiglio di Stato, che deve giudicare se, come la concessione di licenze, anche la sospensione sia parte di un atto di governo, inseparabile dalla condotta delle relazioni internazionali della Francia e quindi incapace di contestato dalla legge o al contrario che i casi che costituiscono la sospensione possono essere elencati in modo esauriente e soggetti a un procedimento amministrativo che può essere oggetto di ricorso.

Molte ONG sono sempre più attive nella lotta contro l'esportazione di attrezzature per la difesa verso alcuni paesi potenzialmente in guerra, come l'Arabia Saudita

A seconda del paese, l'autorizzazione all'esportazione di armi è più o meno discrezionale per il governo o soggetta a revisione giudiziaria. Le ONG spesso si battono affinché il sistema francese venga messo in discussione, proponendo invece una revisione della legalità da parte dei tribunali, in particolare per quanto riguarda gli impegni internazionali della Francia. Tuttavia, la sentenza pronunciata a favore di Rheinmetall illustra uno dei principi fondamentali del sistema giudiziario: quando un processo viene presentato ai tribunali, si creano diritti per tutte le parti coinvolte, compresi i produttori. Se per caso tale controllo dovesse essere posto in essere in Francia, ci muoveremmo verso la delimitazione di un vero e proprio "diritto all'esportazione". Infatti, fintanto che la licenza rimane una deroga rilasciata dal governo, i produttori non hanno alcun "diritto" alla licenza, e di conseguenza non è possibile alcun ricorso in caso di rifiuto da parte del governo. La giurisprudenza francese è stata inoltre costruita sulle sentenze emesse dai tribunali amministrativi contro gli industriali che hanno attaccato lo Stato per la sospensione della licenza e che si erano rifiutati di ascoltare i casi.

In questo campo come in altri, l'inferno è lastricato di buoni propositi: se il processo verrà da sottoporre all'approvazione dei tribunali, non saranno solo le ONG a venire in tribunale, ma anche gli industriali, per diversi motivi: alcuni industriali vorranno costringere lo Stato a rilasciare loro una licenza di esportazione in un paese per il quale il governo ritiene che una vendita di armi danneggerebbe gli interessi della Francia. Alcuni produttori verranno a chiedere un risarcimento finanziario in caso di revoca della licenza, costringendo lo Stato a pagare loro denaro pubblico quando, ad esempio, la Francia applica un embargo delle Nazioni Unite a seguito di un conflitto. Infine (soprattutto) gli industriali - francesi o stranieri - potrebbero attaccare le licenze dei loro concorrenti per promuovere le proprie esportazioni. Il governo dovrebbe gestire i rischi indotti dallo svolgimento delle relazioni internazionali davanti ai tribunali: il governo sosterrebbe il voto di un embargo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite se sapesse che gli industriali potrebbero attaccarlo in caso di sospensione? licenze?

Il controllo legale delle esportazioni di armi è un'arma a doppio taglio e alla fine potrebbe essere utilizzato contro gli obiettivi iniziali delle ONG che cercano di giudicare la procedura.

La sicurezza collettiva sarà progredita? Il traffico di armi sarà ridotto? L'esportazione di armi è un argomento intrinsecamente politico e deve rimanere tale. Volendo troppo giudicare tutte le decisioni, creiamo paradossi, che portano ad armare attori privati ​​contro il potere pubblico e, alla fine, a ridurre il campo di competenza dei governi derivante da un sistema democratico a beneficio dei gruppi. pressione e attori economici. Se alcuni vogliono che lo stato cambi le sue pratiche, la lotta dovrebbe essere politica. L'alternativa, che consiste nel coinvolgere il giudice nella condotta delle relazioni internazionali, è pericolosa e controproducente, anche per i diritti umani.


[1] "Lettera del 25 del gennaio 2019 del gruppo di esperti sullo Yemen indirizzata al presidente del Consiglio di sicurezza"  https://undocs.org/en/S/2019/83 - “Il gruppo di esperti scientifici ha riscontrato che la malta utilizzata per quell'attacco aveva caratteristiche di quelle prodotte da entrambi Rheinmetall in Germania dalla filiale sudafricana Munizioni Rheinmetall Denel, che secondo quanto riferito produce anche proiettili di mortaio in una fabbrica in Arabia Saudita ”. Ad oggi, nessuna arma francese è stata identificata nelle aree in cui si sono verificate possibili gravi violazioni del DIU.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE