Protezione antiaerea del primo piano delle unità russe

Comprendendo la superiorità della potenza aerea della NATO, la Russia non ha mai cercato di eguagliarla, come ha fatto l'Unione Sovietica. Tuttavia, Mosca è sempre stata determinata a neutralizzare questa potenza militare che rappresenta, secondo le autorità militari britanniche, "l'80% della potenza di fuoco della NATO". Per raggiungere questo obiettivo, le forze russe hanno istituito un sistema di difesa antiaereo multistrato interconnesso che combina prestazioni e densità delle apparecchiature. Abbiamo già elaborato Difesa a lungo raggio, rappresentato da Sistemi S350, S400 et il futuro S500, oltre alla difesa a medio raggio, area preferita Sistemi BUK. La difesa aerea ravvicinata non è trascurata nonostante le prestazioni dei sistemi a lungo e medio raggio. Si compone di tre famiglie di sistemi, ciascuna con i propri attributi.

Il sistema BUK fornisce difesa antiaerea e antimissile a medio raggio per le unità russe

Sistema Pantsir-S1

Il sistema di protezione antiaereo e antimissile a corto raggio russo più noto nei media è il sistema Pantsir-S1, che significa "guscio" in russo, identificato dalla NATO come SA-22 GreyHound. Questo sistema montato su camion 8 × 8 utilizza due cannoni 2A2M da 42 mm ad alta velocità di fuoco, oltre a due lanciamissili sestupli equipaggiati con il missile 30E57 con una gittata di 6 km. Il Pantsir S20 ha lo scopo di proteggere le infrastrutture sensibili da attacchi aerei, missili da crociera e droni. La versione Pantsir S1 è già in servizio in concomitanza con la versione S2 nelle forze russe e implementa e apre un nuovo radar più efficiente. Una nuova versione, identificata Pantsir SM, aumenterà le capacità di rilevamento a 75 km e la capacità di ingaggio di 40 km grazie al nuovo missile 57E6M-E. Oltre alle forze russe, il Pantsir è stato esportato in 10 paesi e la Serbia ha anche annunciato che lo acquisirà presto. Le forze russe gestiscono più di 140 sistemi Pantsir S1 e S2.

Pantsir S2 è stato ampiamente dispiegato in Siria per proteggere le infrastrutture russe

Sistema digitale M1 / ​​M2

TOR M1 / ​​2 è un sistema antiaereo a corto raggio e ad alta mobilità montato su un veicolo blindato cingolato 9A311 per le forze russe. È costituito da un radar PESA Doppler a impulsi in banda K e da 8 a 16 missili antiaerei posizionati al centro della torretta in 2 celle di lancio verticali. I missili utilizzati sono generalmente della famiglia 9M331 ma possono anche essere della famiglia 9M338 / 9 in confezione bi o quadrupla. Completamente automatico, il sistema può ingaggiare fino a 4 bersagli contemporaneamente con i suoi missili, a una distanza massima di 15 km. Il TOR garantisce la protezione delle unità mobili russe, in particolare delle unità da combattimento, nonché delle infrastrutture sensibili, come i posti di comando o le zone logistiche. Ha mostrato prestazioni eccellenti in Siria intercettando un gran numero di razzi e droni lanciati contro l'aeroporto di Hmeimim, compensando parzialmente i fallimenti osservati di Pantsir contro obiettivi troppo piccoli o troppo lenti. TOR M1 / ​​2 è in servizio in 15 paesi e la Russia gestisce più di 200 unità oggi.

Il TOR M2 combina mobilità e capacità di ingaggio a corto raggio. Notare il doppio portello sul tetto della sovrastruttura da cui vengono lanciati i missili

Sistema 2K22 Tunguska


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE