Il prezzo offerto alla Polonia per le sue domande su F35 sul prezzo di F35A venduto in Belgio

Il Dipartimento di Stato americano ha risposto alla richiesta polacca di un prezzo per l'acquisizione di 32 F35A emessa pochi giorni fa, proponendo un prezzo complessivo di 6,5 miliardi di dollari per i 32 velivoli, 33 motori Pratt & Whitney. F135 e tutte le apparecchiature elettroniche di controllo e comunicazione necessarie per l'utilizzo dell'aeromobile. Secondo le informazioni fornite, tale tariffa non tiene quindi conto del Mantenimento in Condizione Operativa, né dell'armamento. D'altra parte, è probabile che i servizi di formazione per piloti e personale di manutenzione saranno integrati, con l'erogazione integrata di simulatori.

La Polonia vuole sostituire il Mig-29 e il Su-22 ancora in servizio nella sua forza aerea con gli aerei americani, sapendo che sta prendendo di mira una flotta totale di 66 velivoli. Il primo F35A sarà consegnato nel 2026 e le autorità polacche desiderano trarne vantaggio compensazioni industriali e politiche intorno a questo contratto.

Anche il Belgio ha acquisito 34 F35A un anno fa, a seguito di una gara d'appalto movimentata tra gli aerei della Lockheed e l'European Typhoon, e che ha visto ilin Francia presentare una proposta di partenariato diretto intorno al Rafale, come quello che veniva offerto dal programma CaMO. Ma il prezzo offerto dagli Stati Uniti e dalla Lockheed-Martin era molto diverso da quello offerto alla Polonia, che di per sé non è soggetta a procedura di gara. Il contratto firmato dal Belgio prevedeva infatti l'acquisizione di 34 F35A con relativi motori solo 3,6 Md €, un tasso sostanzialmente paragonabile a quello proposto da Eurofighter e Dassault.

Sembra quindi che la differenza di prezzo, che va da semplice a doppia tra Belgio e Polonia, si interroghi in più di un modo. In effetti, è improbabile che l'offerta fatta alla Polonia sia priva di significato, poiché il prezzo per dispositivo di $ 200 milioni corrisponde a quello pagato da Norvegia, Danimarca o Paesi Bassi per i loro F35. per esempio. Come si spiega in queste condizioni questo straordinario sconto concesso a Bruxelles? Questo prezzo eccezionale è stato addirittura ridotto credere alle autorità militari del paese.

I piloti belgi dovranno ridurre il numero di ore di volo volate ogni anno per volare su F35

La risposta sta ovviamente nel perimetro delle offerte che differisce tra i due paesi, e soprattutto, nel perimetro di comunicazione che circonda l'offerta belga. In effetti, il bando di gara belga, che sapevamo pensato per favorire l'F35, ha preso in considerazione solo il solo prezzo franco fabbrica del dispositivo, che è generalmente la metà del prezzo. acquisizione di esso, una volta consegnato con le apparecchiature essenziali per la sua realizzazione. Inoltre, l'F35A rimane oggi un dispositivo estremamente costoso da mantenere, con un prezzo ridotto a l'ora di volo supera i $ 40.000 secondo l'aeronautica statunitense stesso, il doppio del prezzo di un aereo come il Rafale o il Typhoon. Consapevole di ciò, lo stato maggiore belga aveva anche indicato che i piloti belgi avrebbero volato meno in F35 di quanto avrebbero volato in F16.

Le offerte alternative all'F35A fatte al Belgio, sia dal consorzio Eurofighter con il Typhoon, sia dalla Francia intorno al Rafale, offrivano anche un contratto vicino a 3,5 miliardi di euro per 34 velivoli, ma questo prezzo includeva gli elementi e strumenti che consentono l'implementazione di dispositivi, come banchi prova, simulatori ecc. Comprendono anche e soprattutto compensazioni industriali molto elevate, superiori a 20 miliardi di euro in 10 anni, dove le promesse di compensazioni industriali americane erano entrambi molto vaghi e non vincolanti. Tanto meno restrittivo in quanto Lockheed ha preso l'abitudine di offrire questi compensi a tutti i paesi che desiderano acquisire l'F35, ben sapendo che sarà impossibile dividere la torta F35 oltre un certo punto.

Infatti non è tanto la tariffa proposta dalla FMS alla Polonia per l'acquisizione di 32 F35A sul perimetro indicato a rappresentare un'anomalia, ma proprio quella proposta al Belgio. A questo, ci sono ora due atteggiamenti da adottare, il primo consistente nel crogiolarsi nella certezza che Bruxelles è riuscita a negoziare una tariffa eccezionale ben al di sotto di quella offerta agli altri clienti del dispositivo, il secondo è valutare i costi esatti di questo ordine, quindi confrontarli, su base di parità, con le offerte fatte dal Regno Unito e dalla Francia. Questo approccio di solito dà uno sguardo illuminante alla situazione reale, come ad esempio le autorità norvegesi lo hanno sperimentato negli ultimi mesi. È anche sorprendente che in un paese la cui classe politica abbia messo in dubbio fino alla fine l'importanza di sostituire il suo F16, perché giudicando eccessivo l'investimento di 3,5 miliardi di euro, nessuno si pone più questa domanda. ….

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE