Il missile balistico ritorna dalle ceneri?

Durante la Guerra Fredda, il missile balistico, che avesse o meno testate nucleari, era considerato un'unità di riferimento per determinare la potenza militare di un paese. A quel tempo non esisteva un sistema in grado di intercettare efficacemente questo tipo di missile, il cui solo possesso rappresentava quindi una minaccia esistenziale per tutti gli Stati che entravano nel raggio del missile. È per questo motivo che due delle principali crisi di questo periodo, la crisi cubana del 1962 e quella degli euromissili del 1983, sono il risultato del dispiegamento di questi dispositivi vicino ai confini statali.

Con l'entrata in servizio alla fine degli anni '80 di sistemi antiaerei di nuova generazione, come l'American Patriot, questa minaccia svanì rapidamente, perché il sistematismo che ne derivava scomparve con il dispiegamento di batterie antiaeree. Missili americani. Così, durante la prima guerra del Golfo, il semplice dispiegamento di batterie missilistiche Patriot fu sufficiente per impedire a Tel Aviv di reagire contro gli attacchi missilistici Scud dall'Iraq. Negli anni successivi alla Guerra Fredda, i sistemi antimissile migliorarono ed estesero le loro capacità di intercettazione contro missili di maggiore portata. È così che è apparso il THAAD negli Stati Uniti e le nuove versioni del Patriot, così come i missili SM3 e SM6 del sistema di bordo AEGIS. Insieme, questi sistemi erano in grado di neutralizzare gran parte dei missili a corto e medio raggio che potevano essere lanciati contro gli Stati Uniti, le sue forze ei suoi alleati. Inoltre, gli Stati Uniti hanno schierato un numero elevatissimo di missili da crociera Tomahawk sulle proprie piattaforme navali e sottomarine, in modo da poter, se necessario, eliminare i lanciatori in un primo attacco, nonché gli anti- aria, liberando gli spazi necessari per lo spiegamento della sua potenza aerea. Il missile balistico a corto e medio raggio sembrava, in questo momento, destinato a unirsi ai ranghi dei sistemi d'arma resi obsoleti dal progresso tecnologico.

Il sistema THAAD è stato a lungo considerato il missile e la parata di missili balistici a medio raggio

Ma come spesso, le certezze e lo status quo hanno favorito l'emergere di nuove tecnologie destinate a soppiantare queste difese. È così che è apparso il missile russo 9M723K1, meglio conosciuto con il nome di Iskander, o SS-N-26 Stone per la NATO. Questo nuovo missile tattico, con una gittata volontariamente limitata a 490 km per rispettare le clausole del Trattato INF, utilizzava una nuova traiettoria di volo, nota come quasi balistica, più tesa di quelle dei tradizionali missili balistici a corto e medio raggio. Inoltre, la maggior parte del volo avviene a quota 60 km, posizionandosi perfettamente tra il soffitto del Patriot a 60 km e il pavimento del THAAD, che dista 70 km. Il missile è anche in grado di manovrare in volo, in un modo difficile da prevedere. In effetti, l'intercettazione di questo missile è diventata rapidamente problematica per la difesa antimissile statunitense. Ma essendo buone le relazioni con Mosca nel 1995, non c'era motivo di allarmarsi per tutto questo.

La seconda allerta, questa volta molto più grave, è arrivata quando il presidente Putin ha presentato i nuovi vettori strategici sviluppati dalla Russia durante la campagna presidenziale russa, nel marzo 2018. Un nuovo missile, il Kh57M2 ​​Kinzhal, ha spazzato via tutte le certezze americane in materia. efficacia dello scudo antimissile. In volo, il missile era allo stesso tempo ipersonico, manovrabile ed evoluto ai margini dell'altitudine dell'Iskander, da cui deriva. Inoltre, il suo raggio d'azione, superiore ai 2000 km secondo Mosca, gli permetterebbe di colpire tutti gli importanti obiettivi NATO ad est di un asse Londra Parigi, senza che il Mig-31 che vince debba lasciare lo spazio aereo russo. In altre parole, né il Patriot PaC-3 recentemente acquistato con moltissimi miliardi di euro da 4 paesi europei, né il THAAD, né i missili dei sistemi Aegis installati sulle fregate antiaeree di diverse marine degli Stati Uniti. La NATO, non sono in grado di fermare questo missile. Anche il promettente Aster 30 Block1NT sembrerebbe incapace di farlo, almeno allo stato delle specifiche.

Il missile Kinjhal è trasportato in aereo da un aereo Mig31 appositamente modificato

Allo stesso tempo, la Russia ha sviluppato una nuova generazione di sistemi antimissili, l'S500 che, abbinato ai sistemi antiaerei S400, S350, Buk, Tor, Sosna e Pantsir, sarebbe in grado di fornire una protezione molto efficace contro La NATO colpisce le installazioni strategiche e le forze russe, sia con missili da crociera che con attacchi aerei. Per la prima volta in tre decenni, la NATO stava perdendo la certezza di avere una superiorità aerea contro il suo avversario, come la capacità di proteggere il suo dispositivo in profondità da attacchi mirati.

Da allora, sia l'esercito americano che l'aeronautica americana hanno lanciato diversi programmi volti a sviluppare missili ipersonici in grado, anche di sfidare la difesa antiaerea russa, avendo tolto i vincoli che potevano ancora esistere l'abbandono del trattato INF. contro questi sistemi d'arma. Inoltre, sono emersi molti programmi di difesa antimissile, in particolare basati su sistemi laser, nel tentativo di fronteggiare questa minaccia, che colpisce sia le forze terrestri che navali, con la Russia che sviluppa il missile antimissile ipersonico. La nave Tzirkhon 3M22, che entrerà in servizio nel 2021.

La Cina ha sviluppato un numero significativo di missili balistici, alcuni dei quali dedicati alla guerra anti-nave, come il DF-26

Inoltre la colpa rivelata da Iskander e Kinjhal ha fatto molti emulatori, ovviamente in Cina, ma anche in Iran, e più recentemente, in Corea del Nord, il cui ultimo lancio missilistico aveva per unico oggetto per dimostrare che anche esso aveva missili in grado di sfidare lo scudo antimissile americano dispiegato a Guam, in Giappone e in Corea del Sud.

Una cosa è certa, in pochi anni il missile balistico a corto e medio raggio è risorto dalle proprie ceneri, per affermarsi ancora una volta come uno dei sistemi d'arma strategici negli arsenali militari. Oltre agli Stati Uniti, Cina e Russia, India, Corea del Nord, Corea del Sud, Pakistan, Iran, Ucraina, Turchia e Arabia Saudita hanno annunciato che stanno sviluppando sistemi per questo ragazzo. Se non è una corsa agli armamenti, le somiglia ancora molto. D'altra parte, al momento non è in corso alcun programma europeo volto a sviluppare questo tipo di sistema d'arma.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE