La sicurezza informatica dei satelliti occidentali potrebbe essere compromessa

secondo un rapporto del noto think tank britannico Chatham House, i satelliti utilizzati per scopi di difesa dalle nazioni occidentali dovrebbero essere considerati tutti potenzialmente compromessi, nella pianificazione dei sistemi d'arma e delle tecnologie che impiegano tali sistemi. Un rapporto complementare sottolinea anche le vulnerabilità dei sistemi missilistici occidentali, sia strategico, difesa antiaerea o tattico.

In questi report, il Think Tank traccia una valutazione intransigente delle debolezze della cyber warfare che caratterizzano l'utilizzo dei sistemi di comunicazione e localizzazione satellitare che, molto spesso, hanno vocazioni civili e militari miste, mentre oggi, la maggior parte delle munizioni tattiche impiegate dai membri della NATO si basa sulla disponibilità di questi sistemi. Esempi recenti di Parodia del segnale GPS da parte delle forze russe, particolarmente difficili da rilevare, vanno effettivamente in questa direzione. Ma il rapporto va oltre, stimando che la maggior parte dei satelliti impiegati non ha sufficiente resilienza per far fronte alle capacità dei servizi nemici moderni e ben attrezzati, come i cinesi oi russi.

[Armelse]

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


[/ Arm_restrict_content]

Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE