I 7 locali sbagliati della costruzione di La Défense Europa

La costruzione di Defense Europe è diventata, per alcuni anni, il filo conduttore della politica di difesa francese, il paese non risparmiando sforzi per cercare di creare uno slancio sufficiente per dare vita a questa iniziativa. Questa costruzione assume molte forme, come programmi industriali cooperativi, consolidamento europeo dell'industria della difesa e programmi di difesa dell'Unione europea.

Sebbene siano stati presentati molti argomenti a sostegno di questa politica, la loro analisi metodica e oggettiva rivela debolezze in queste giustificazioni, che sono state innalzate al rango di paradigma. In questa analisi, studieremo 7 dei principali argomenti avanzati, nello spettro delle realtà operative, politiche ed economiche, che si applicano in Europa.

1- "Nessun paese può sviluppare le tecnologie di difesa per venire da solo"

Questo è uno dei due principali argomenti addotti per giustificare la cooperazione franco-tedesca riguardo al programma SCAF.1. Le giuste tecnologie necessarie per sviluppare un programma di aerei da combattimento di prossima generazione sarebbero, secondo questa premessa, fuori dalla portata di ogni singolo paese. Che è perfettamente sbagliato.

Presentazione del modello del modello del nuovo aereo da combattimento del programma SCAF al Paris Air Show 2019

Infatti, la base industriale e tecnologica francese integra un produttore aeronautico esperto, Dassault Aviation, uno dei principali produttori di motori aeronautici del pianeta, SAFRAN, una delle principali aziende in termini di radar, sistemi di rilevamento e avionica, Thales e un dei principali missili, MBDA. Queste 4 società potrebbero, senza difficoltà, portare a termine il programma SCAF. Va notato, inoltre, che i partner europei del programma, come Airbus DS e MTU, non hanno mai progettato aerei da combattimento in autonomia, né turbojet per aerei da combattimento. L'argomento è talmente discutibile che, dal lancio del programma, la Francia ha costantemente cercato di favorire la condivisione industriale sulla base delle competenze, che sa padroneggiare, non sulla base di condivisione economica, sfavorevole allo svolgimento finale del programma. Che è stato, ovviamente, rifiutato da entrambe le società e dal governo tedesco ...

2- "Nessun paese può finanziare lo sviluppo di moderni sistemi di difesa"

Secondo argomento avanzato da SCAF e MGCS2, condivisione dei costi di progettazione e ottimizzazione dei costi di produzione. Il ragionamento è semplice, dividendo i costi di sviluppo tra diversi e cercando i migliori subappaltatori su quantità maggiori, i prezzi delle attrezzature saranno ridotti. Una teoria che, purtroppo, è stata confermata solo molto raramente nella pratica. Una volta superato l'obiettivo iniziale, infatti, ogni Paese dovrà presto imporre le proprie caratteristiche che, alla fine, finiranno per ridurre l'omogeneità del programma a tal punto che ogni nozione di economia verrà cancellata. Pertanto, il programma NH90 ha più di 12 versioni diverse in base alle richieste dei clienti e uno studio sul programma FREMM ha dimostrato che la differenza di prezzo tra il programma FREMM franco-italiano e un programma FREMM francese al 100%, sarebbe stato di 15 milioni di euro, su un programma complessivo di 8,5 miliardi di euro per la Francia.

FREMM italiano condivide meno del 15% del componente con le controparti francesi

Inoltre, questo ragionamento non tiene conto della realtà del ritorno di bilancio generato dall'industria della Difesa. La dottrina della Difesa con valutazione positiva ha dimostrato che un programma 100% francese ha generato un ritorno di bilancio di oltre 1 milione di euro (escluse le esportazioni) nelle casse dello Stato per milione di euro investito, generando la creazione di 25 posti di lavoro annui. Se il saldo di bilancio degli investimenti nell'industria della Difesa Nazionale è positivo per lo Stato, la distribuzione di questi investimenti con l'estero riduce automaticamente i benefici per le finanze pubbliche, al punto da poter scendere al di sotto della soglia di redditività. Questo punto è tanto più delicato quando il partner sopravvaluta i propri fabbisogni in modo da beneficiare di maggiori compensi industriali, al fine di ridurre successivamente gli importi ordinati.

3- "I programmi europei estendono il potenziale mercato europeo accessibile"

Questa premessa parte dal presupposto che sviluppando programmi tra attori europei, altri paesi europei affermeranno la loro preferenza europea per le apparecchiature, scegliendo queste apparecchiature a scapito delle apparecchiature importate, in particolare dagli Stati Uniti. In effetti, non lo è. Il programma Tornado non è stato scelto da nessuno stato europeo oltre ai partecipanti al programma, e il programma Typhoon sarà stato scelto solo dall'Austria, in quantità molto limitate, a parte i 4 paesi membri del consorzio Eurofighter. Alla fine, i risultati registrati da questi 2 programmi europei non saranno stati migliori in Europa di quelli del Rafale e mirage 2000 costruiti dalla Francia e scelti dalla Grecia (m2000). Allo stesso modo, nessuna FREMM è stata venduta a una marina europea, né una fregata di difesa aerea Horizon, ma costruita in collaborazione con l'Italia, mentre i sottomarini tedeschi, senza cooperazione di progettazione, sono stati scelto da diversi paesi. Questa premessa non è quindi basata su alcuna realtà osservata ed è più un pio desiderio che un'osservazione oggettiva.

Rafale come il tifone non ha avuto molto successo nelle forze aeree europee

4- "Questo renderà possibile essere più forti contro gli Stati Uniti"

Questo argomento, una versione moderna del proverbio "L'unione fa la forza", suppone che federando diversi paesi europei attorno allo stesso programma e allo stesso obiettivo, sarà possibile affrontare il potere politico e tecnologico. Americano nei programmi di equipaggiamento, in particolare in Europa. In effetti, questa ipotesi non è mai stata dimostrata per i principali programmi. Così, l'F35 ha vinto in Belgio, Paesi Bassi, Danimarca, Norvegia (non membro dell'UE), ma anche in Polonia, Romania e Grecia, senza il tifone, ma federando 4 I paesi europei, non potevano opporsi. Allo stesso modo, l'elicottero Tiger che riunisce 3 paesi europei non sarà mai riuscito a vincere in Europa contro l'americano AH 64 Apache. Infine, il sistema Patriot PAC-3 è stato preferito al sistema franco-italiano SAMP / T Mamba da Svezia, Polonia e Romania, e non è mai stato scelto, fino ad ora, da un paese europeo, nonostante prestazioni superiori rispetto al sistema americano e prezzo più competitivo. Per affrontare gli Stati Uniti, la cooperazione industriale europea non sembra essere una soluzione efficace.

L'americano F35 ha vinto in Europa contro l'European Typhoon

5- "Questo eviterà concorsi fratricidi di esportazione"

Questo è probabilmente l'argomento più concreto, sebbene sia tutt'altro che assoluto. Federando infatti più attori nello stesso progetto, riduciamo teoricamente il numero di possibili concorrenti che dovremo affrontare in una competizione internazionale. Tuttavia, questo significherebbe dimenticare che a volte un attore può avere interessi divergenti su un mercato, anche se è un partner del programma presentato. È il caso, ad esempio, di Francia e Italia, pur essendo partner nel mercato navale, che hanno appena firmato una Joint Venture di altissimo profilo, e che tuttavia continuano a scontrarsi violentemente in Bulgaria e altrove. In un'altra area, il partenariato con la Germania su vari programmi pone molte difficoltà per quanto riguarda i compromessi politici legati alle esportazioni. Pertanto, i potenziali vantaggi in termini di esportazione della cooperazione europea sono lungi dal neutralizzare i rischi e gli abusi associati ai partenariati industriali.

Nonostante la creazione della joint venture tra Naval Group e Fincantieri, quest'ultimo ha attaccato il suo partner in Bulgaria per l'ordine della corvetta Gowind 2500

6- "Devi essere in grado di affrontare giocatori emergenti, come Cina, Turchia o Corea del Sud".

A volte presentato come uno degli obiettivi dei partenariati per la difesa industriale in Europa, l'emergere di nuovi attori in questo mercato impone una maggiore concorrenza a ciascuna competizione, e quindi potenziali successi più tenui. L'ipotesi avanzata è che l'azione congiunta dei paesi europei sarebbe tale da compensare le argomentazioni commerciali e politiche di questi paesi emergenti, in modo da preservare il volume complessivo del mercato affrontato. Argomento più che discutibile, se ce n'è uno. Uno dei principali asset proposti dai paesi emergenti, infatti, si basa sul prezzo delle attrezzature offerte. Pertanto, una fregata cinese di tipo 054A viene offerta per meno di $ 160 milioni, mentre una fregata europea con le stesse prestazioni non può essere offerta al di sotto dei $ 500 milioni. Inoltre, questi paesi non si preoccupano di considerazioni politiche e spesso non sono firmatari di trattati internazionali sulla regolamentazione della vendita di armi. I paesi europei sono tutti soggetti agli stessi vincoli economici, politici e legislativi, per cui, in quest'area, l'aumento del numero di attori non fa da forza, il perimetro economico e politico del offerta che rimane invariata.

La Cina offre la fregata Tipo 054A a 180 milioni di dollari per l'esportazione, 3 volte più economica di una FTI Belh @ rra dello stesso tonnellaggio e della stessa potenza di fuoco

7- "Dobbiamo rafforzare l'autonomia strategica europea"

L'ultima giustificazione addotta a sostegno dell'attuale modello di cooperazione europea per la difesa industriale, evidenzia la sua azione per rafforzare l'autonomia strategica europea, in particolare nei confronti degli Stati Uniti. Questo argomento è il più discutibile di tutti, in quanto questo obiettivo è lungi dall'essere condiviso da tutti gli attori europei. La nozione di autonomia strategica è soprattutto una nozione francese ereditata dal gollismo, e di deterrenza, volta a garantire l'autonomia di decisione e di azione nel paese. "Dobbiamo essere in grado di scegliere le nostre guerre e di vincerle" sosteneva il generale de Gaulle. In effetti, nessun paese europeo oggi, oltre alla Francia, cerca di liberarsi dalla bolla protettiva americana, il che, ovviamente, spiega i moltissimi successi commerciali che stanno registrando nel vecchio continente. E per una buona ragione, gli Stati Uniti sono oggi essenziali per l'equilibrio dei poteri, e quindi per la deterrenza su scala continentale, contro la Russia, poiché sono essenziali in termini di capacità logistica e di intelligence, anche in Francia, per interventi esterni. Infatti, oggi Strategic Autonomy si riduce al fatto che gli europei non dipendono più, per l'equipaggiamento di difesa prodotto, dalle normative ITAR americane, in particolare per quanto riguarda le esportazioni, che gli Stati Uniti utilizzano per assicurarsi posizioni commercialmente più vantaggiose. Si tratta quindi di un obiettivo molto relativo e, per di più, poco impegnativo nel medio o lungo termine, per i paesi europei, che hanno rapidamente cambiato posizione per tornare a stringersi contro l'alleato americano al minimo allarme. Anche le recenti dichiarazioni tedesche sull'autonomia strategica non hanno portato il paese a favorire una soluzione europea di difesa antiaerea e antimissile, a favore di una partnership con Raytheon, oa considerare la costruzione di un Elicottero super pesante europeo, a beneficio di Sikorsky.

Il drone MALE Falco Xperience di Leonardo presenta la sua costruzione senza ITAR come argomento commerciale

Conclusione

Come si può vedere, le argomentazioni avanzate dalle autorità sia politiche che industriali per giustificare i programmi europei di cooperazione in materia di difesa sono notevolmente prive di concretezza. Inoltre, queste azioni sono molto spesso svolte a scapito del BITD e del know-how industriale nazionale francese, per sostenere un'ambizione francese idealizzata e poco condivisa a livello europeo. Quando la Francia parla di cooperazione industriale della difesa, la parola chiave per lei è la parola "Difesa", mentre la maggior parte dei nostri partner è interessata solo alla parola "industriale". Non mancano gli esempi, purtroppo, di questo idealismo francese sfruttato a nostre spese dai nostri partner, che vanno dalla partnership DCNS-Navantia alla portaerei franco-britannica.

Questo significa che l'Europa di La Défense è un progetto inutile e dannoso per la Francia e la sua industria?

Al contrario, e il prossimo articolo di questa serie fornirà gli argomenti oggettivi che giustificano l'esigenza imperativa che rappresenta, sia dal punto di vista industriale che operativo. D'altra parte, la sua forma attuale, che risulta da un'analisi errata delle realtà oggettive, non solo è controproducente per l'economia francese e La Défense, ma limita le ambizioni e le possibilità di successo del progetto stesso.

A seguire:
I 7 motivi per cui l'Europa de La Defense è essenziale
Le 7 chiavi per costruire un'Europa della difesa sostenibile, unificante ed efficiente

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE