Quando il ministro della Difesa russo fa il punto della sua azione

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigou ha presentato, durante un discorso al Comitato Difesa della Camera bassa della Duma, a valutazione dei cambiamenti intrapresi ed efficaci negli eserciti russi dal 2012, vale a dire al momento dell'insediamento. E questo record è a dir poco positivo, per non dire lusinghiero.

Così, mentre nel 2012 le forze di combattimento russe erano limitate a 16 brigate, spesso a loro volta parzialmente equipaggiate, ora conta 136 battaglioni su 200 composti da soldati a contratto, ovvero più di 65 brigate e reggimenti. Nello stesso periodo, gli eserciti avranno percepito più di 1000 aerei ed elicotteri, più di 3700 veicoli corazzati, 161 navi di superficie, 7 sottomarini d'attacco e 3 dispositivi di lancio di sottomarini, più di 210 missili balistici intercontinentali e 57 satelliti e veicoli spaziali.

Gli articoli di notizie pubblicati oltre i 24 mesi rientrano nella categoria "Archivi" e sono accessibili solo agli abbonati professionisti.
Per ulteriori informazioni su questa offerta, clicca qui

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE