Rail Gun, missili ipersonici, radar quantistico ... Cina e Russia, il grande Bluff?

Dall'inizio degli anni 2010, gli annunci riguardanti nuove tecnologie con potenziale militare da parte di Cina e Russia si susseguono, al punto che a volte si può stimare che l'Occidente non avrebbe più il vantaggio tecnologico che era durante La guerra fredda al centro della sua strategia di difesa. Ma molte voci vengono sollevate per mettere in discussione la veridicità di questi annunci, lasciando il dubbio di un grande bluff. 

In un decennio, la Russia e la Cina hanno mostrato un vero volontarismo in termini di programma di difesa, con i cosiddetti aerei di quinta generazione J-5 e Su-20, i veicoli blindati di nuova generazione T-57 o T-14, i sistemi di difesa antiaerea e antimissile S99 / 400 e HJ500 per citarne alcuni. Allo stesso tempo, i mezzi militari di questi due paesi sono stati considerevolmente modernizzati e rafforzati, al punto che ora rappresentano una grave minaccia per il quartier generale occidentale. Ma sono gli annunci riguardanti i programmi di ricerca all'avanguardia che oggi preoccupano e mettono in discussione. 

Cominciamo studiando il caso cinese 

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE