Esegui il programma HIL su LPM: possibile? Come? Come finanziarlo?

Articolo pubblicato su LinkedIn il 18 luglio 2018

Il programma HIL ha lo scopo di sostituire un numero molto elevato di ali rotanti in 3 armato, che vanno dall'allodola III della Marina francese al Puma dell'Aeronautica militare, oltre alle gazzelle dell'ALAT. Questo programma dovrebbe essere lanciato durante 2018-2025 LPM, per una prima consegna in 2028, ed è stato selezionato il nuovo H160 di Airbus Helicopters. Oggi il programma si concentra sui dispositivi 165.

I recenti incidenti mortali delle gazzelle ALAT e il rapporto dell'OLS, che è di grande preoccupazione per le ali rotanti negli eserciti francesi, ci ricorda, tuttavia, che questo programma è troppo lungo e che gli elicotteri che devono essere sostituiti da questo programma sono già troppo vecchio, sia dal punto di vista operativo che meccanico.

Nessun testo alternativo fornito per questa immagine

In questo contesto, e sapendo che l'LPM 2018-2025 sta già affrontando requisiti di attrezzature che non lasciano margini di manovra, come possiamo considerare di accelerare questo programma, in modo che le consegne inizino, come previsto? inizialmente, nel 2021, con un ritmo produttivo efficiente per le forze armate?

Promemoria: la dottrina della difesa della valutazione positiva applicata a un programma

La Dottrina della difesa di valutazione positiva, è un approccio multi-dominio che mira ad analizzare i flussi in entrata e in uscita alla scala di un programma di difesa, del bilancio della difesa di un paese o di un insieme di paesi. A livello di programma, il DVP si basa su 3 elementi fondanti:

- il dichiarazione dei redditiinvestimenti diretti e indotti rapidi (inf 3 anni) relativi al programma. Come abbiamo visto in altre dimostrazioni, questa dichiarazione dei redditi è maggiore di 75% a 3 anni ed è quindi questo valore che verrà preso come riferimento.

- L'integrazione nello spettro del programma di una componente export garantita da un contributo statale, consentendo di proporre a partner chiave le apparecchiature in questione a prezzi molto interessanti e quindi garantire i volumi globali

- Uno ssocietà del programma, portando l'investimento iniziale e la proprietà delle attrezzature fino alla loro consegna alle forze armate, per garantire il pieno ritorno fiscale dello stato prima di dover pagare le attrezzature.

La dinamica così creata consente di sostenere le spese senza costi immediati per le finanze pubbliche, pur percependo le dichiarazioni dei redditi in termini più brevi.

Applicazione al programma HIL

I dati esatti del programma HIL sono riservati. Per la dimostrazione, utilizzeremo quindi valori estrapolati da aeromobili della gamma Airbus. Secondo questo principio, si può dedurre che il prezzo medio della versione militare dell'H160 sarà di 18 m € HT, e che la R&S necessaria per la militarizzazione e la navalizzazione dell'H160 costerebbe 500 m €.

Nessun testo alternativo fornito per questa immagine

Dal punto di vista delle grandezze i 165 dispositivi del programma HIL sono ovviamente un valore “minimo”. Prenderei un formato più ampio nel mio calcolo, cioè 100 aerei per l'ALAT, 60 per la Marina nazionale e altrettanti per l'Air Force, o 220 aerei per gli eserciti francesi. L'obiettivo di esportazione sarà di 150 velivoli, con un prezzo molto interessante per incoraggiare gli eserciti stranieri ad aderire al programma HIL esteso. Non terremo conto dei costi di richieste specifiche da parte dei clienti export. Avremo quindi un formato totale di 370 dispositivi, ovvero 3 dispositivi al mese per 10 anni. Tale volume, da solo, consentirà di abbassare il prezzo unitario degli H160M da 18 milioni di euro a 16 milioni di euro, escluse specifiche richieste di esportazione.

Studi sui saldi finanziari

Studieremo successivamente le entrate e le spese fiscali per lo stato francese di un tale programma. Dal punto di vista delle entrate, abbiamo:
370 dispositivi per 16 milioni di euro + 500 milioni di euro in R&S con una dichiarazione dei redditi del 75% o 4,815 miliardi di euro.

Dal punto di vista della spesa avremo:
220 dispositivi per 16 milioni di euro + 500 milioni di euro in R&S o 4,02 miliardi di euro

Il programma così istituito genera quindi 795 milioni di euro di vantaggi fiscali.

Come abbiamo visto, i finanziamenti per questo programma saranno basati su una società del programma, che porterà lo sforzo finanziario con una differenza di 4 anni sulla fatturazione effettiva. Ciò rappresenta, per il budget francese e il tasso di interesse annuo 1,5%, un costo di 75 € m su 12 anni di esecuzione del programma. Il resto del bonus fiscale, 720 m €, viene utilizzato per l'incentivo incentivo per i dispositivi esportati (150), ovvero un bonus 4,8 di € m per dispositivo.

Infatti, in questo programma, il prezzo unitario dell'esportazione H160M è ridotto da 18m €, prezzo di catalogo, a 16-4,8 = 11,2 € m, un prezzo molto inferiore a quello dell'H145.

Dal punto di vista sociale, l'esecuzione del programma HIL in questa forma e formato genererà intorno a 5000 lavori diretti e indiretti, distribuiti tra Airbus Helicopters (posti di lavoro situati in Francia, ovviamente), Safran per motori e Thales per elettronica di bordo. Assicurerebbe il sito di Marignane per anni 12, posizionando H160, in versione civile come militare, come uno degli elicotteri più venduti sul mercato, garantendo la longevità del velivolo.

Conclusione

È notevole notare che, non appena cambiamo il paradigma dell'analisi macroeconomica, appaiono soluzioni chiare ed efficaci per riconsolidare gli eserciti e le loro attrezzature. Pertanto, il programma HIL può essere effettivamente lanciato in un lasso di tempo molto più breve del previsto, senza incidere sulle finanze pubbliche o sullo sforzo di difesa, poiché lo Stato investe solo entrate che altrimenti non sarebbero esistite. . Inoltre, l'uso del sussidio statale per garantire le esportazioni consente di offrire dispositivi a prezzi molto competitivi, anche rispetto alla concorrenza russa o cinese, senza entrare in concetti complessi e distruttivi per compensazione industriale a medio termine e, soprattutto, senza impattare sui margini industriali, consentendole di investire nelle proprie strutture industriali e in ricerca e sviluppo.

Va notato che nel caso molto particolare di Airbus Helicopters e di H160, che è un aereo civile e militare, la dichiarazione dei redditi assoluti sarà molto probabilmente superiore all'75%, poiché un tale programma ridimensionerà l'intero strumento industriale, che consente tariffe ottimizzate. Inoltre, con il servizio esemplare di 220 negli eserciti francesi, tutti i potenziali clienti, militari e civili, avranno la garanzia di una qualità e di una lunga durata del dispositivo. Cumulativi, è probabile che questi fattori aumentino significativamente gli ordini successivi del dispositivo, quindi entrate fiscali e sociali sull'attività delle società interessate.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE